Migrazione dei pesci | Scopriamo la migrazione dei salmoni

Migrazione dei pesci | Scopriamo la migrazione dei salmoni

L’anguilla: Freccia d’Amore 

La migrazione Ittica è un fenomeno che vede molte specie di pesci migrare, alcune per il cibo, alcune per la riproduzione, altre per motivi ignoti. Uno dei fenomeni più affascinanti è quello delle anguille, cosiddetta “freccia d’amore” così nominata nella famosa poesia “L’Anguilla” di E. Montale.
Una poesia dove emerge il valore del pesce durante il suo faticoso viaggio guidato dall’istinto di riproduzione, capace di vincere le resistenze.
La particolarità è il loro ciclo di vita, da sempre oggetto di studio.
Iniziano il loro ciclo di vita nel Mar dei Sargassi per poi ritornare nello stesso mare. Si inizia con la deposizione delle uova (da 1 a 6 milioni)  , chiamate “leptocefali”. Quest’ultime, alla nascita trasparenti subiscono continue metamorfosi perdendo la trasparenza diventando “cieche”, giovani anguille non ancora pigmentate. Infine, raggiunta la maturità sessuale la colorazione diventa “argentea” capace di mimetizzarsi nelle profonde acque, le gonadi si sviluppano, gli occhi si ingrandiscono per vedere meglio in profondità, si aggiungono grandi quantità di grasso (circa il 40% della massa corporea) che saranno utilizzati durante la migrazione, in quanto non si nutriranno più durante il lungo viaggio.
Ed ecco che in autunno, partono verso una migrazione di 5000 km per raggiungere il Mar dei Sargassi. Una volta giunte, iniziano la ricerca del loro compagno per l’accoppiamento.
Questa è una fase sconosciuta all’uomo, si suppone avvenga in grandi profondità.
Lo possiamo definire un viaggio senza ritorno, questo perché dopo la riproduzione muoiono, rilasciando delle nuove larve capaci di ricominciare un nuovo ciclo.
Ció che più affascina l’uomo è la loro capacità di migrare controcorrente, di resistere alle tortuose acque, adattarsi alle acque dolci per poi ritornare con radicali trasformazioni nelle acque salate.
Una grande energia vitale quella dimostrata dalle anguille, diventando simbolo di vitalità biologica, sessuale, di resistenza.. diventando un inno alla vita.

Autore: Lirije Cakani

About The Author

Francesca.effe

No Comments

Leave a Reply