Flussi migratori | Migrazione per guerra

Flussi migratori | Migrazione per guerra

GUERRA E MIGRAZIONE

Definizione parziale del sostantivo GUERRA: “A differenza della nozione più generale di conflitto si parla di guerra solo quando esiste una precisa volontà da parte di una o più parti di portare una crisi conflittuale fino alle sue conseguenze estreme.

Ciò può avvenire attraverso l’uso della violenza o con la minaccia esplicita o implicita del suo uso. Uno degli obiettivi è sicuramente quello di eliminare l’avversario semplicemente inducendolo ad uno spostamento fisico più o meno temporaneo”.

Definizione di MIGRAZIONE: “ Notevole spostamento di uomini da una ad altra sede, per lo più come abituale o necessario fenomeno”.

Quindi la definizione completa di MIGRAZIONE PER GUERRA potrebbe essere: “ Notevole spostamento di uomini,donne,bambini,anziani da una ad un’altra sede, come fenomeno necessario,causato da una precisa volontà da parte di una o più parti di portare una crisi conflittuale fino alle sue conseguenze estreme”. La definizione risulta essere così razionale, così semplice.

Ma non mi basta.

Voglio sapere cosa è per quegli uomini, per quelle donne, per tutti quei bambini e per gli anziani, cosa significa lasciare il proprio PAESE a causa di una GUERRA non cercata, non voluta da loro, ma solo subita.

L’orrore schiaccia i ricordi delle belle giornate coi compagni di scuola, appena passate e già sfiorite col fango delle trincee, gli scoppi delle bombe e l’odore del sangue.

Alcuni li chiamano “effetti collaterali” ma sono in realtà i civili che subiscono assurdamente in prima persona conseguenze devastanti di bombardamenti.

Uccisi, feriti, si vedono costretti a fuggire per cercare scampo altrove, si vedono costretti a MIGRARE A CAUSA DI UNA GUERRA.

About The Author

Francesca.effe

No Comments

Leave a Reply