Arte come veicolo di migrazione per le idee

Arte come veicolo di migrazione per le idee

Finalmente è arrivato il giorno d’uscita del film tanto atteso.

Fila al botteghino per aggiudicarti i posti migliori.

Un profumo di pop corn ti inebria, non puoi farne a meno, ordini un secchiello, e pensi small basterà, ma si meglio XL, giustificandoti che lo condividerai con la persona accanto a te.

Ti siedi al tuo posto.. pubblicità.. non puoi resistere, devi mangiarne uno prima della proiezione, si solo uno.. e poi due..tre.. all’intervallo la combo XL è già finita.. raschi il fondo solo sale.. e la mente viaggia indietro nel tempo, ripercorre la storia di quei chicchi, dallo scoppiettar in fiocchi alla raccolta delle pannocchie, alla semina, alla loro origine in una terra lontana, in un Nuovo Mondo.

Quel mondo scoperto per caso durante un viaggio, a fini commerciali, ma pur sempre un superare i limiti, oltrepassare le colonne d’Ercole, correre il rischio verso l’ignoto.

È stata un’uscita dalle rotte sicure, il coraggio di un’impresa fatta da uomini. È stato anche un ritorno con navi cariche di cibi sconosciuti: mais, pomodori, patate, cioccolato.

Nuovi sapori e profumi ben apprezzati ed accolti, che facevano sognare.. una vita migliore in terre lontane, ma ricche di sorprese.

E allora navi che ripartivano, stavolta, zeppe di uomini, di storie, di vite, di speranze da realizzare lontano dal Vecchio Continente, ormai povero e stanco.

E quelle patate, che ancora oggi tanto amiamo cucinate in mille modi, divennero il simbolo della disperazione, dell’austerità di vita della maggior parte della popolazione.

van gogh

Van Gogh le rende nobili nel suo dipinto “I mangiatori di patate”, in cui racchiude la sua concezione del mondo di fronte al destino: quei contadini sono liberi dalle escrescenze del mondo moderno, per questo, sono i sublimi cantori di uno stile di vita schietto, sincero, autentico.

Ora silenzio.. il film sta per ricominciare.. e pronti per una seconda combo di pop corn, augurandoci duri fino ai titoli di coda!!

Autore: Roberta

About The Author

Francesca.effe

No Comments

Leave a Reply